Primo contributo Direl sull’applicazione del CCNL Funzioni Locali 2016-2018.

Quale lettura dare all’ art. 54 comma 4 del nuovo CCNL Funzioni Locali sull’incremento della retribuzione di posizione dei dirigenti degli enti locali? 

La domanda è stata posta più volte a Direl nei giorni scorsi. 

Direl risponde, grazie al contributo dei colleghi della Direl Piemonte. 

Si osserva che la disposizione contrattuale ex art. 54, c. 4, recita testualmente: ”L’importo annuo lordo della retribuzione di posizione, comprensivo di tredicesima mensilità, stabilito per tutte le posizioni dirigenziali coperte alla data del 1/1/2018, è incrementato, con decorrenza dalla medesima data del 1°/1/2018, di un importo annuo lordo, comprensivo di tredicesima, pari a € 409,50. Alla copertura di tale incremento concorrono le risorse di cui all’art. 56 (Incremento delle risorse destinate alla retribuzione di posizione e di risultato), comma 1, destinate dal presente CCNL al Fondo per la retribuzione di posizione e di risultato”.

 

La disposizione ora citata si applica a tutti i dirigenti presenti in organico al 1/1/20018 e di conseguenza anche quelli assunti successivamente (altrimenti ci sarebbe una discriminazione fra dirigenti). Fra i "dirigenti" bisogna ricomprendere anche quelli a tempo determinato, visto che ora sono inclusi nel contratto (solo per i dirigenti che ricoprono posti previsti in pianta organica ovvero quelle posizioni dirigenziali che pescano nel fondo compresi i dirigenti con incarico ex art 110 c. 1 Tuel). L'aumento del 1.53% del monte salari 2015 è la fonte di finanziamento di questo specifico aumento. Dall'anno successivo il calcolo è più semplice in quanto si parte dal fondo unico annuale di cui all'art. 57 comma 2 lett a) e si aggiungono le poste di cui alle lettere successive.

 

Formazione e Webinar

Login Form



direlemiliaromagna
direlpiemonte